Aeroporto2's Blog

nessuno conosce ulisse

Mese: febbraio, 2013

B/N o colore?

Questa personalità a spicchi è fastidiosa
Ma l’arte del singhiozzo (quella poetica dell’accapo)
E’ la solita marcia: confusa, polverosa, velleitaria
C’è sempre una discesa e una salita
Meglio farsi una spremuta, la vitamina C è importante
Ed è bello guardare il bicchiere vuoto tinto come da bambini

Regni pregiati quelli autorizzati, gli altri contaminati, sono tra le
Sponde
Quella destra e quella sinistra; altri quattrocento metri di pura
Campagna fangosa
(meglio camminare sull’erba rimasta)
Attraverso il ponte
Una gran voglia di cambiarmi i calzini bagnati
Le bucce le lascio a terra sparse con il  colore arancio

Da: “I quaderni dell’Impostore”. Leggi il seguito di questo post »

Domenica

Scarico il revolver e pulisco bene la canna
Il tamburo gira che è un piacere
Alzo il cane
Sparo al barattolo a trenta metri
Alzo di nuovo il cane
Neppure un essere vivente che si associa a questo
Miscuglio
Alzo il cane e sparo
Ho in tasca cinquanta proiettili per la mia rivoltella
Che noia profonda, non vedo l’ora di ritornarmene a casa
L’arma è stupida, risponde bene all’ordine e  il bersaglio
Immobile, mi annoia*
Una gran voglia di sdraiarmi sul divano. Telefono alla sgualdrina di turno
Sono a casa dalla mantenuta. Mi sdraio sul divano. La casa è troppo calda
Quasi non respiro
Mi spoglio e vado nel letto
La troia con le mani dietro la schiena
Scopo e mi faccio servire

Mi rivesto

Porto il cane a spasso

Da: “I quaderni dell’Impostore”

*Si può sparare a lattine  di Coca-Cola piene, queste colpite esplodono  o spruzzano con getti pulsanti, una buona cosa questa per chi s’intende d’arte.

Ikea

Mentre seduto, mangio una cotoletta guardo
I denti bianchissimi della bionda al mio co-tavolo
Parla all’amica d’atteggiamenti (maschilisti)
Dice: “Sai che ti dico?” E accenna a un gesto
“Farei volare i piatti dalla cucina, come frisbee”
Ha la pelle chiara la giovane trentenne
Il mio cane la guarda perplesso e ci guardiamo
Si tratta di educarli (i maschi) “ah” fa lei
“Bisogna abituarli” (al nuovo regime)

Che fai, cosa vuoi, che dici

 Da: “I quaderni dell’Impostore” Leggi il seguito di questo post »

Sigiriya quarantaseiesima parte

– So di tua figlia, tua nipote, e non capisco come hai fatto in tutti questi anni a far vivere quella ragazza senza dignita`. Hai fatto bene a fare quello che hai fatto, meglio tardi che mai. Ma ora comportarti come un bambino? Hai chiarito le cose a te stes­so, bene sono contento per te. Ma e` ridicolo abbandonare tua mo­glie, dopo quello che le hai fatto passare. Leggi il seguito di questo post »