Pasquettare

di aeroporto2

Profumi e chiacchiere
Niente, neppure l’ombra d’una finestra aperta

Sornione mi rincuoro sapendo che gli uomini sono
Sonnambuli pronti ad agguantare l’agnello
Quando questo bela o scivola in fila

Sarà ma l’appendice, le ernie dei più
I libri in pile, sono zone d’ombra
Cibo per oziosi ignorantoni di buona memoria

Così, bello il tale, il Cagliostro di turno, che nulla sapendo
Vende  alle  quattro all’angolo
Moratorie alla moralità ma per  metà

S’alza un bicchiere
Che bella tovaglia! E quanti ricami!
Scommetto  – penso-
Che ci son volute tre generazioni di bravi contadini
A organizzar questa confusione dall’alto

Giovani magistrati, tutti tutte, incapsulati dalle quattro norme
E, dal come e quando. Il quanto a beneficenza

Almeno una femmina! Tra tanta barbarie di costumi e sorrisi
Ma qui la donna  si sconta in banca

 

Da: I quaderni dell’Impostore

My beautiful picture

Essendo oggi (anche) il 1 d’aprile mi sembra foto qualificata ma il pesce non è freschissimo: ha trentacinque anni…

Annunci