Rive

L’ analfabeta, appena un geroglifico sopra
Si preoccupa della  povertà  degli incontri
Se è opportuno il breviario o il manuale

Dirige verso una meta certa tra privè ricreazione
Senza donne, fra le pratiche usurate e su quell’altro
Altro che è sull’altra riva (e non importano i ponti)

Il fatto è
Che la famiglia del soldo s’abitua
E il culo flaccido abbisogna
Di poltrone e strade lastricate

E non essendoci un dopo è meglio ingurgitare
Come il feroce pellicano che s’adagia alla boa
Della Nato e gli basta un cenno d’ala a che lo schiamazzo
Cessi

da: I quaderni dell’Impostore Leggi il seguito di questo post »