sull’Io : inutilità condivisa

di aeroporto2

SDIM1004Ho creduto e credo che l’unica forma di spettacolo sia la pornografia. Su questa ho gia scritto qua. (dunque) L’arte è solo una pallida esecuzione, ai compossibili. Allora rimane la viseità “visagéité” in francese: “Tutti i fenomeni di comunicazione e scambio dipendono dalle leggi e dalla giurisprudenza che governano la viseità dominante” (Guattari in un libro introvabile e mai tradotto..). Faciality” nella traduzione dal francese all’inglese (americano) ma ne esce un quadro riduttivo, patologico e categorico (classificazioni), una viseità tutta in “americano”: sociologia del territorio, l’unico marcatore statistico che include il bisogno per la sociologia del nuovo mondo . Il punto, ciò’ che a me interessa è il desiderante, ciò che esprime il viso che introduce al desiderio reciproco. Ciò che eccita i sensi: il viso desiderante. Il selfie è una inclusione un ritrovare questo marcatore. Nel caso sopra (la fotografia) il desiderante è lo sfondo.. la natura nella sua più’ bella estroversione “pornografica”.

Annunci